Le ville venete della riviera del Brenta
La “Villa Veneta” é legata al fenomeno della “villeggiatura” che si presentò nel Veneto tra il XV secolo e il XVI secolo e perdurò per i due secoli successivi, no alla caduta della gloriosa Repubblica di Venezia nel 1797. A partire dal XVI sec. i canali e i fiumi comodamente raggiungibili da Venezia, furono costeggiati da sontuose residenze estive. Il Canal del Brenta che collegava, insieme ad altri corsi, Venezia con Padova era il canale alla moda, luogo di delizia e prolungamento ideale del Canal Grande di Venezia, dove fiorirono più di una quarantina di lussuose ville. Qui, non lontani dalla città, i nobili più facoltosi trascorrevano le loro vacanze, partendo da Venezia con una comoda imbarcazione chiamata Burchiello che risalivano il Canale Navigabile del Brenta; questa imbarcazione era spinta a forza di remi da S. Marco, attraverso la laguna veneta sino a Fusina, da dove veniva trainata da cavalli no a Padova, lungo la Riviera del Brenta. Il viaggio sul Burchiello era affascinante e divertente; nel lento procedere tra le ville e i salici piangenti, dame e cicisbei, nobili ed avventurieri, commedianti ed artisti animavano la vita di bordo rendendo pittoresco e piacevole il tragitto fluviale. Sul finire del settecento, con la caduta della Repubblica di Venezia ad opera di Napoleone il servizio cessò. Riproposto come itinerario turistico nel ‘60, il servizio riprese con un notevole incremento dei passeggeri. Ancor oggi il Burchiello, moderna e confortevole imbarcazione, solca le acque della Riviera del Brenta da Padova a Venezia e viceversa portando migliaia di turisti in visita alle ville venete, sostando nelle più belle e famose ville legate a nomi illustri quali il Palladio e il Tiepolo per la visita guidata degli interni. Un viaggio suggestivo che, attraversando nove ponti girevoli e cinque Chiuse, veri e propri ascensori ad acqua, permette al turista di risalire (o scendere) un dislivello altitudinale di ben 10 metri esistente tra Venezia e Padova.
Piazzola sul brenta - 9km
La “Villa Veneta” é legata al fenomeno della “villeggiatura” che si presentò nel Veneto tra il XV secolo e il XVI secolo e perdurò per i due secoli successivi, no alla caduta della gloriosa Repubblica di Venezia nel 1797. A partire dal XVI sec. i canali e i fiumi comodamente raggiungibili da Venezia, furono costeggiati da sontuose residenze estive.
Colli euganei - 30 km
Lo scenario dei Colli Euganei, nell´omonimo parco naturale Parco Naturale, è ricco di attrazioni storico-artistiche come borghi medioevali e stazioni termali inserite in un meraviglioso ambito naturalistico che offre anche numerose possibilità per trekking e per il ciclismo.
Venezia - 30 km
Avvolta com’è da dalla foschia provocata dall’umidità e sommersa dai turisti provenienti da ogni parte del mondo, Venezia sembra quasi che non esista e che faccia parte solo dei nostri sogni. L'hotel Valbrenta si trova vicino a Venezia, rivelandosi location ideale.
Padova - 10 km
Città di grandi tradizioni artistiche e culturali, Padova vanta oltre 3000 anni di storia, che le hanno lasciato in eredità una miniera di monumenti di grande valore storico-artistico.
Arquà Petrarca - 9km
Il famoso poeta Petrarca scelse i Colli Euganei ed in particolare questo incantevole borgo per trascorrere l´ultimo periodo della sua vita. Tutt’oggi è ancora possibile visitare quella che fu la sua dimora.
Vicenza - 45 km
Un’antica tradizione di oreficeria fa di Vicenza il punto di riferimento mondiale per l’area. Vicenza è inoltre una città attraente, legata al genio estetico di Andrea Palladio, che lasciò nella sua città di adozione una preziosa eredità di ville e palazzi di una bellezza così straordinaria da riservare a Vicenza il titolo di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.
Verona - 85 km
Non si può pensare a Verona se non come allo scenario tragico della vicenda d’amore di Romeo e Giulietta. Magnifica anche l’arena con le sue opere.